Mater amabilis

10 audio.mp3

E' facile amare, quando gli altri ci trattano bene, non così succede in tanti momenti della nostra vita. Non sempre gli altri, con cui entriamo a contatto conoscono Gesù o vogliono seguirlo. Come fare quando ci sentiamo soli, in un ambiente ostile? Personalmente, ho sperimentato un modo per risolvere la difficoltà: in quei momenti, mi rivolgo alla Mamma, a Maria e le chiedo di aiutarmi a fare il primo passo, a incominciare io ad amare. Mi ritrovo, allora, ad amare gli altri con più facilità.

Non si tratta di amare tutti, indistintamente, magari pensando ai popoli lontani di altri continenti, ma di focalizzarci su chi ci sta davanti, in ogni istante della nostra vita. La nostra solidarietà verso i poveri e gli oppressi, il nostro amore all'umanità si concretizzano nel servizio vigile e attento verso coloro con cui veniamo a contatto nella vita quotidiana.

Solo Dio può amare tutti e ciascuno con la stessa intensità di amore; noi possiamo amare solo ogni fratello o sorella, che ci è accanto nel momento presente. Ameremo tutti, senza preferenze o esclusioni, se amiamo chi ci sta davanti; e questo va fatto con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutta la mente. L'altro lo sente, se non siamo interamente per lui e lo incontriamo distratti da altri interessi.

Maria è la nostra Mamma, solo lei può guidarci sulla via dell'amore, comunicandoci il suo segreto; di lei non è detto che è 'Madre amante', ma 'amabile', che cioè viene facile amare. Spesso non abbiamo successo nei nostri rapporti con gli altri, perché non ci rendiamo amabili: magari cominciamo a bombardare qualcuno con le nostre attenzioni per conquistare la sua amicizia, ma lo facciamo a modo nostro, senza fare attenzione alle sue vere esigenze. Corriamo, a volte, il rischio di asfissiare gli altri col nostro amore.

Altre volte, invece, siamo lenti, svogliati e disattenti verso chi ci sta davanti.

In ogni caso, quel che conta è saper trovare per ognuno la maniera giusta per agevolargli la strada del rapporto con noi.

Spalanchiamo il cuore agli altri, senza chiuderci mai nella cerchia del nostro gruppo o delle nostre amicizie.


Print