Carla e il suo ultimo viaggio incontro allo Sposo

Questa mattina Carla Sidoti, all’età di 82 anni, ha compiuto il suo ultimo viaggio incontro a Gesù, Sposo che ha amato per tutta la vita.

Carla è stata il primo membro dell’Associazione dei Cenacoli del Bell’Amore ed è stata la prima a “fare il suo impegno” da laica consacrata e nella sua “normale quotidianità” ha cercato di sintonizzarsi sull’Amore, di esserne segno nel suo ambiente, con e in Maria; questo Amore ricercato e vissuto non è rimasto senza effetto. “Come infatti la pioggia e la neve scendono dal cielo e non vi ritornano senza avere irrigato la terra, senza averla fecondata e fatta germogliare…” (Is 10) così l’Amore, che è Dio, trasfigura gli ambienti in cui viviamo, rende belle e significative le relazioni tra persone, realtà, istituzioni; tante le iniziative di comunione promosse da Carla in questi anni, tanti i legami e le relazioni germogliate e coltivate nella sua vita.

Tantissimi amici due anni fa a Patti (ME) si erano messi in moto per festeggiare i suoi 80 anni: una Messa di ringraziamento, un momento conviviale per la “larghissima famiglia” di questa donna che nella sua quotidianità è stata un po’ “mamma” per tanti, laici, sacerdoti, suore; sempre pronta ad aprire la sua casa come ha fatto anche agli inizi della fondazione dando ospitalità a sr. Nunziella e ad alcune delle prime suore in viaggio verso Palermo, attenta ai bisogni materiali e non della gente del suo territorio, un punto di riferimento anche per i sacerdoti a cui non ha fatto mancare la vicinanza. Quest’anno, l’8 gennaio, il suo ultimo compleanno in ospedale, dove non è mancato quel clima di amore e di famiglia che l’ha sempre accompagnata.

In questi mesi, per Carla, alle prese con il coronavirus che le ha tolto il respiro, è arrivato il momento di lasciarsi amare dal suo Cenacolo anzitutto, dove sia laici che sacerdoti si sono prodigati fattivamente, da tutta la famiglia del Bell’Amore che l’ha sostenuta con la preghiera unanime, dalle suore che soprattutto attraverso la comunità più vicina hanno cercato di raggiungerla in qualche modo per il necessario.

Oggi la sua storia si compie nella “più bella storia d’amore di tutti i tempi… l’eterna vita dell’Amore sempre in atto!”, la sentiamo ancora mentre canta questo inno del Bell’Amore. Proprio la mancanza di una “Messa cantata”, il rinunciare alla solennità della celebrazione di un bel funerale era la cosa che le costava un po’, quando ha iniziato a capire che si preparava a partire, così come ha detto anche a sr. Nunziella in uno dei suoi brevi dialoghi quotidiani, al mattino e alla sera, avuti telefonicamente con lei fino a quando ha potuto parlare al telefono. Carla, però, si sentiva anche pronta, forte di quell’amore del Crocifisso che ha stretto fra le sue mani fino agli ultimi giorni e che ha mostrato a p. Dino nella sua ultima videochiamata.

Possa il canto della nostra vita accompagnare la festa delle sue nozze eterne.

Il feretro arriverà mercoledì 10 dopo le 18,30 nella chiesa S. Nicola dove alle 21 si celebrerà una veglia di preghiera. Giovedì alle 15,30 sarà celebrato il funerale.


Print