OGGI È IL 30 AGOSTO.

Un pranzo semplice, con l’aria ancora di festa, è infatti il “giorno dopo” della professione di una novizia, la prima suora asiatica, ci sono con noi Giovanni e Rosetta che sono venuti dal Veneto quasi come rappresentanti dell’amore di una mamma, quella di Diva, che nella giornata di ieri ci ha fatto comprendere come il cuore possa percorrere in un nanosecondo una distanza di oltre 11000 chilometri, e di un papà che ancora meglio dal Cielo ci spiega che, nell’oggi di Dio, siamo già uno, Cielo e terra, la distanza abissale è colmata in Cristo Redentore. A tavola, luogo della condivisione per eccellenza, c’è anche una giovane che trascorre qualche giorno con noi in comunità; sr Carmela arriva dalla curia un po’ dopo l’inizio del pranzo, è bello arrivare dopo una mattinata di lavoro, e poi arriva anche sr. Marianna dall’ospedale dove lavora, lei arriva un po’ più tardi, siamo quasi alla fine, ma con il suo sorriso dice quasi: “Ce l’ho fatta, siete ancora qui!”. Purtroppo, ancora il piccolo virus che da due anni ci fa compagnia, reclama ancora le nostre attenzioni e quindi, dal momento che siamo un po’ di più rispetto alla quotidianità, la nostra sala da pranzo per oggi è in giardino, non ci è andata poi male, di questi tempi si capisce anche quanto bisogna ringraziare Dio anche di un piccolo spazio all’aperto.

Parliamo. Ricordiamo che oggi è il 30 agosto. Sono cinquant’anni da quel sì che muove con determinazione i suoi primi passi! Una giovane messinese, appena laureata in filosofia, con un sogno che dall’Alto le è stato messo nel cuore, infrange i sogni umani di una mamma e di un papà: una carriera, una famiglia, una vita “normale” promettente sembrano non bastarle. Come può Nunziella spiegarlo a papà? Un amico quel giorno le dice: “Signorina, lei sta facendo un passo di cui i suoi genitori saranno contenti fra qualche anno”. In quel momento, forse, non era facile, ma papà Pasqualino sapeva che Nunziella non sarebbe tornata indietro; probabilmente immaginava già cosa avrebbe risposto a chi dall’Università di Messina partì per Roma per riportarla a quel mondo che tanto l’aveva appassionata e a cui avrebbe potuto dare un contributo. Aveva ragione papà, il 30 agosto aveva il sigillo di quella parola evangelica “Chi mette mano all’aratro e poi si volge indietro non è adatto per il Regno dei Cieli...”, con gioia e solida determinazione la ventitreenne Nunziella ha deciso: “Dio solo”.

A dire il vero sr. Nunziella oggi ci ha detto poche parole; qualcuna di noi, con vivacità, ha tirato fuori qualche aneddoto, lei ha sorriso e ha risposto alle domande di Rosetta.

Quando trovi una perla di grande valore, non puoi che vendere tutti i tuoi averi per comprarla... Quante cose belle Nunziella ha lasciato... beh, almeno lo immaginiamo, perché in realtà, a molti di noi che l’hanno conosciuta, ha sempre parlato della “Perla”, il suo Sposo amato.

E noi che abbiamo lasciato tutto e l’abbiamo seguito? Gesù ci ha già rassicurati!

NEWSLETTER EN

Newsletter subscription

 

You'll receive sister Nunziella's tweets and some news from our website. Sending this message you'll accept to join our newsletter. It is a broadcast, not a chat group.

 

Tweet di sr. Nunziella