LA FONDATRICE

 

Sr. Nunziella Scopelliti

 

NOTA STORICA

 

      

 

 

Nunziella Scopelliti nasce a Messina, il 22 giugno 1948, da Pasquale e Letteria Rizzo, in un contesto familiare ricco di valori umani.

 

            Cresce nella fede a contatto con i padri francescani cappuccini che animano la parrocchia Maria SS. di Pompei, dove riceve i sacramenti del Battesimo e della Comunione; in Cattedrale riceve il sacramento della Confermazione, dalle mani di Mons. Pantaleone Minutoli, delegato del venerato arcivescovo Sua Ecc.za Mons. Fasola, con cui sr. Nunziella ha intavolato un rapporto personale.

 

            Frequenta il Liceo classico Francesco Maurolico e l'Università di Messina, laureandosi in Storia e Filosofia, il 24 giugno 1971, col massimo dei voti, discutendo la tesi Fondamenti teoretici della morale in Jacques Maritain.

 

            La ricerca della verità e l'intuizione del "bello" e del "riso", accanto alle categorie del bene e del vero, caratterizzano l'esperienza filosofica e spirituale di quest'epoca della sua vita, che la vede intavolare diverse amicizie, fra cui quelle col suo maestro e filosofo messinese Filippo Bartolone, coi suoi colleghi universitari, con le sue prime allieve, oltre che con vari sacerdoti e religiosi/e di diverse congregazioni.

 

            Conquistata dalla Bellezza, che è Dio, il 30 agosto 1971 lascia Messina alla volta di Roma per intraprendere la vita religiosa in un Istituto internazionale: la Santa Famiglia di Bordeaux, dove rimane fino al 1994.

 

            Vive questo lungo periodo della sua vita quasi sempre a Roma e dintorni, tranne brevi soggiorni in Francia e alcuni anni a Capo d'Orlando (Me). Ha, così, modo di venire a contatto con ambienti internazionali e di svolgere varie mansioni, dedicandosi, in particolar modo, alla formazione delle giovani e all'insegnamento.

 

            Dal dicembre del 1992 al luglio del 1994 è in Canada per frequentare un corso di Scienze delle Comunicazioni Sociali presso la Saint-Paul Université di Ottawa e uno di Psicologia a Montréal, qui concepisce l'idea di lasciare l'Istituto religioso di origine per seguire una personale vocazione all'Amore, avvertita fin dalla giovinezza, che la porta alla fondazione dell'Istituto religioso delle Suore del Bell'Amore.

 

            Nel luglio 1994 rientra, così, in Italia e a Roma sottopone la sua vocazione al discernimento della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacrata e le Società di Vita Apostolica; in dialogo con la Chiesa e con chi gliela rappresenta, ne incontra il favore e l'approvazione in tempi abbastanza brevi. È seguita nella nuova fondazione da altre religiose del precedente Istituto e da alcune giovani, desiderose di vivere in comunione con lei quanto porta in cuore.

 

            A Messina, e precisamente a Castanea delle Furie, in una casa messale a disposizione dal papà, oggi donata all'Istituto, scrive le Costituzioni e il Direttorio del nuovo Istituto religioso.

 

            Il 5 gennaio 1995 è nominata Superiora generale e il 7 gennaio emette i voti perpetui, nelle mani di Sua Em.za il Cardinale Salvatore Pappalardo, Arcivescovo di Palermo, nell'Istituto religioso da lei fondato.

 

            Sensibile all'arte, che le sembra riveli, in qualche modo, la Bellezza increata di Dio, è autrice di una raccolta di testi e melodie, ordinati alla preghiera e alla comunione, e di numerosi quadri, astratti e non, evocativi del mondo interiore; è direttrice responsabile di sei riviste.

 

            Contemporaneamente alla fondazione delle varie case, che la porta ad attraversare lo stretto di Messina di frequente, fino in Baviera, avvia le attività tipiche dell'Istituto, organizzando incontri, convegni e iniziative volti a promuovere la comunione tra persone e gruppi di varia età e provenienza.

 

             Dal 5 al 15 luglio 2001 anima il II Capitolo generale dell'Istituto, nel corso del quale è rieletta, all'unanimità, Superiora generale nella seduta presieduta da Sua Em.za il Cardinale De Giorgi, Arcivescovo di Palermo.

 

            Il 22 dicembre dello stesso anno, nel corso della "Giornata della cultura, dell'arte e del turismo", organizzata dalla Provincia regionale di Messina, dall'Accademia internazionale "Amici della Sapienza", dall'Università della Terza età e dal Centro Unesco giovanile siciliano, è insignita dell'Oscar 2001 della Cultura, dell'Arte e del Turismo.

 

            Dopo qualche anno dall'inizio dell'Istituto religioso, fonda i "Cenacoli del Bell'Amore", un'Associazione privata, i cui membri condividono lo spirito e la missione dell'Istituto, irradiandone lo spirito nel variegato campo della famiglia, nelle diverse professioni e nei vari ambienti sociali.

 

           Il 22 giugno 2002, consapevole dell'importanza che i mezzi di comunicazione hanno nell'odierna società, inaugura il sito internet dell'Istituto: www. suorebellamore.it, quale ulteriore possibilità di collegamento, di formazione e di annuncio.

 

            Tra il 2003 e 2004 prepara e segue molto da vicino le fondazioni delle comunità di Catania e di Altarello-Palermo, mentre continua a ricevere con ritmo regolare proposte di fondazione dall'Europa (Italia, Grecia), oltre che dall'America (Cile e Brasile).

 

            Nel 2005 si dedica, tra l'altro, all'acquisto di Casa Madre. In Santa Sede, agli inizi, nel 1994, incoraggiandola nella Fondazione del nuovo Istituto religioso, le avevano raccomandato di comprare Casa Madre "a costo di mangiare pane e cipolla", e finalmente, dopo anni di lavoro e di gestione, non senza sacrifici, l'8 dicembre 2005, in un clima di intensa commozione, promulga il Decreto di trasferimento di Casa Madre, da corso Calatafimi, 399, prima sede dell'Istituto nascente, in affitto, a via Beato Angelico, 51, la nuova Casa Madre di proprietà dell'Istituto.

 

            Interesse costante di sr. Nunziella è sempre stato il mondo dei giovani: tra le mille vicende della fondazione, non ha mai mancato di rivolgere loro una particolare attenzione, aiutandoli nella ricerca di autentici valori, che li strappassero all'insignificanza esistenziale.

 

            Il 23 maggio 2006 partecipa a Roma all'udienza che il Santo Padre Benedetto XVI ha organizzato, convocando alla Sede Apostolica le Superiore e i Superiori generali delle varie Congregazioni religiose.

 

            Lo spirito ecclesiale, che le fa scrivere nelle Costituzioni... prima ancora di sentirsi membri del loro Istituto, le suore dovranno considerarsi suore della Chiesa cattolica… la vede spesso presente ai diversi avvenimenti ecclesiali.

 

          In circostanze diverse, è anche invitata a dare la sua testimonianza, o ad animare esercizi spirituali a persone di varia età e vocazione.

 

            In dialogo col mondo degli artisti, ne accetta stimoli e inviti, intavolando rapporti di amicizia con pittori e artisti; nel luglio 2007, all'inaugurazione dell'Esposizione nazionale d'arte contemporanea organizzata a Ficarra (Me), ha anche modo di incontrare il maestro Trento Longaretti.

 

            Dal 22 dicembre 2007 al 10 gennaio 2008, anima il  III  Capitolo  generale  dell'Istituto,  che  la  postula all'unanimità Superiora generale, per un terzo mandato.

 

            Il 2008 la vede, tra l'altro, impegnata nell'acquisto dei locali cantinati sottostanti Casa Madre, costituenti insieme un unico edificio, e nelle nuove aperture dell'Istituto e dell'intera famiglia spirituale ad esso collegata, presente oggi in diverse regioni d'Italia e in Germania.

 

          Il 9 maggio 2009 le viene conferito, a Gliaca di Piraino, il premio "Don Luigi Giussani" 3ª edizione dall'associazione di cultura e solidarietà "Raggio di sole".

 

            Sr. Nunziella vive attualmente a Palermo, nella Casa Madre, in qualità di Fondatrice e Superiora generale.